Vai ai contenuti

Il Domani

ADOLATO - unico club calabrese per la caccia alla volpe simulata a cavallo ubicato a Badolato e lo scorso 14 agosto ha celebrato presso, la sede rappresentativa un anno di attivitł. Il club calabrese per la caccia alla volpe simulata a cavallo, della tenuta di Pietra Nera, dei baroni Gallelli di Badolato si anche distinto nel corso del 2006 nelle caccie delta societł torinese e romana.
La storia del club calabrese
La nascila del club Calabrese dovuta at barone Ettore Gallelli Benso questi appassionato cavaliere, ereditś la cultura equestre in famiglia. Per generazioni infatti l'attaccamento a questo nobile animale e agli sport equestri, in particolar modo a quelli di campagna, e sempre stata una componente dei baroni Gallelli di Badolato. Il nonno materno, conte dott. Alberto Benso, si distinse nel Genova cavalleria, storico e prestigioso corpo che fece la storia della cavalleria Sabauda. Il nonno paterno invece, il barone don Giuseppe Gallelli, signore di campagna, amava recarsi sulle proprie terre a cavallo, per seguire i lavori sui campi, e fu tra i pochi all'epoca in Calabria a possedere cavalli velocissimi di rara bellezza, dei quali vi sono anche alcuni ritratti. Il bis nonno paterno che era invece nel Nizza cavalleria, prima di partire per la grande guerra del 1915 -1918 donś alla patria diversi cavalli, deceduti poi sul Carso, contro le mitragliatrici Austriache. Da sempre quindi l'ambiente equestre stata una costante tradizione di famiglia, ma se oggi il club Calabrese esiste, lo si deve anche ai cugini Benso, in particolare al dott. Alessandro Benso, questi esperto cavaliere, tra i soci organizzatori della societł Torinese per la caccia alla volpe simulata. Le caccie Calabresi Tella tenuta di Pietra Nera sono infatti organizzate sul modello Torinese, "come metododo e pratica, e si svolgono a Badolato, su quei terreni dei Gallelli adibiti a pascolo. Queste proprieta sono inoltre situate in un territorio vario gestivo, poichÄ infatti possibile passare in poco tempo dal mare, al lago ai monti, in pochi minuti si puś cio salire fino a 1300 metri, dove situato il lago di Lacina, nell'alto piano del parco naturale delle Serre. Qui vi sono i pi¨ antichi e folti boschi del mediterraneo, decantati da Aristotele e Plinio II nella historia naturalis, e utilizzati poi da Annibale per costruire la flotta che lo avrebbe riportato a Cartagine. Nel V secolo la valle del voda, fu dotata di un porto, che consentiva i commerci coi Greci, ma con i Romani che la zona del voda ebbe sviluppi importanti, come la via Aquilia, che attraversava la vallata per giungere a Taranto, importante centro commerciale dell' epoca. Nella seconda meta del VI secolo a. c. la zona del voda passś sotto la protezione dei Locresi, che avevano vinto i Crotonesi sul fiume Sara. Il primo insediamento che darł poi vita al borgo di Badolato, avviene pero attorno al x secolo, nel 1100 Badolato conta infatti solo un ottantina di case, e 400 abitanti, ma Ruggero di Lauria che nel 1287 ne inizia un primo fortilizio difensivo. Furono perś i Ruffo che nel 1399 trasformarono il primitivo fortilizio di legno in un castello inespuganabile, introducendovi soluzioni strategiche considerevoli, come la costruzione di una grande torre quadra, al lato dell'ingresso, e il potenziamento della cortina difensiva. Con una simile fortezza, e un numero consistente di soldati, i Ruffo, e i feudatari successivi, attuarono una politica espansionistica, che portś Badolato nel tempo a egemonizzare la zona, e i paesi limitrofi. Sotto i Toraldo le torri del castello vennero riempite di terra per portare ai piani superiori l'artiglieria; il castello e il feudo passarono poi ai Pignatelli, ai Sanseverino, e brevemente ai Borgia nel 1595 ai Ravaschieri nel 1596 e in ultimo ai Gallelli, che lo Un ritratto del barone Ettore Gallelli Benso olio su tela 150 xl 00 (2001) pittore Massimo Monforte tennero fino all'eversione della feudalitł. E' in questo contesto di storia e tradizione, immersi in una natura suggestiva e incontaminata, che il club Calabrese per la caccia alla volpe simulata della tenuta di Pietra Nera, organizza divertenti battute di caccia a cavallo, all'insegna della tradizione, della natura, e della passione per questi nobili animali.
Sede sociale La sede sociale del club Calabrese per la caccia alla volpe simulata, Ć situata presso l'agriturismo di famiglia della tenuta di Pietra Nera. Il casale Ć ricavato da un ottocento frantoio in pietra, finemente ristrutturato, ed elegantemente arredato alla hold England, con temi e motivi cari al mondo della caccia a cavallo, basti ricordare ad esempio che ogni camera porta il nome di un momento della caccia, come "Il passaggio", "la fuga", "il bicchicre", "la staffa" ecc. Situato inoltre in posizione panoramica e ventilata, con stanze luminose che affacciano sul bellissimo parco di quasi dieci ettari, incorniciato da una campagna suggestiva e incontaminata, la sese sociale offre ai propri soci strutture sportive per il tempo libero. A soli 3 km dal mare, all'affascinaiite borgo medioevale di Badolato, e a Serra S. Bruno, famosa per la certosa, e per i suoi fitti boschi, decantati per la loro bellezza gił da Plinio il giovane, nella Historia naturalis, la tenuta di Pictra Nera Ć il luogo ideale dove riposare, e scoprire il fascino della caccia a cavallo
Premi del club
TROFEO BARONI GALLELLI Il trofeo barone Galielli, Ć l'elegante premio che il club Calabrese assegna al cavaliere che cattura la Volpe alla fine della caccia. Il trofeo diverso volta per volta, reca sul basamento la data e il luogo dell'avvenimento.
IL CALCIO DELL'ASINO
Il calcio dell'asino Ć lo scherzoso trofeo che il club Calabrese assegna al cavaliere che si sia distinto per aver condotto una caccia buffa, e particolarmente divertente. Consta in un simpatico pelusch, raffigurante appunto un asinello. Prima della consegna viene letta all'interessato la motivazione.
IL PREMIO PRIMO CAVALIERE E' un riconoscimento che viene assegnato dal club Calabrese per la caccia alla volpe simulata, della tenuta di Pietra Nera, a tutti coloro che si siano distinti per particolari meriti. Il premio diverso volta per volta, reca la data e il luogo, ed Ć consegnato direttamente dal presidente fondatore.
Il maneggio associato: Il club Calabrese per la caccia alla volpe simulata, si avvale anche di un efficiente maneggio associato, che puś noleggiare fino a 30 cavalli, a tutti coloro che per vari motivi non dispongono del proprio cavallo, o vengono da lontano. Scuderie Turrati. Centro ippico, contrada Turrati - 88068 Soverato (Cz) Cell. 339-1190648

Home Page | Origini | Albero Genealogico | Parentele | Residenze | Titoli | Territorio | Cavalli di famiglia | Ritratti | Raccolta Foto | Pubblicazioni | Collegamenti | Antenati | Attuale Discendenza | Lo Stemma | Primogenitura | AttivitÓ | News | Link | Mappa del sito




Torna ai contenuti | Torna al menu